Let’s Make A Song: Lezioni Che Ho Imparato ed Un Regalo Per Voi!!!

the-day-of-wrathEbbene sì! La mia prima mini-serie Let’s Make A Song è giunta al termine lunedì. Quello che mi ero proposto, cioè di mostrare a chi ha difficoltà nell’approcciarsi a tutti i passaggi necessari per registrare e mixare una canzone a casa, si è rivelato molto di più.

Alcuni di voi hanno scoperto questo blog e il mio canale YouTube grazie a questa mini-serie, ed è stato fantastico ricevere ringraziamenti per il materiale da persone che non conosco. È stata davvero una bellissima sensazione e devo ringraziare voi lettori e spettatori dell’attenzione che avete dato e continuate a dare al mio piccolo blog. Se siete nuovi, o state leggendo questo post nel futuro, potete guardare l’intera serie (della durata di circa un’ora complessiva) grazie a questa playlist di YouTube che ho creato per voi.

Ma non solo! È stata una sfida anche per me, perché nonostante da anni ormai curi certi passaggi ed applichi alcuni concetti è davvero una cosa completamente diversa rallentare il ritmo e spiegare ogni singolo passaggio e il motivo per il quale lo faccio. Fortunatamente, questa cosa si è rivelata utile e alcuni di voi mi hanno scritto ringraziandomi per aver chiarito loro alcuni dubbi. Ed oltre che una sfida è stata anche una lezione! Sì esatto, perché come ho detto nell’ultimo video, io stesso ho (re)imparato molto da questa mini-serie, ed oggi voglio condividere queste lezioni con voi.

#1: La registrazione è la parte clou di ogni canzone

Okay, in realtà ero già al corrente di ciò ed è parte del mio metodo di lavoro da tempo, ma il fatto di avere un pubblico che vede tutto ciò che faccio dall’inizio alla fine e l’alta probabilità di fare errori e dunque incappare in figuracce mi hanno spinto a lavorare ancora più duramente al suono di ogni singolo strumento e al posizionamento del microfono per ottenere un buon suono generale di partenza prima ancora del mixaggio. E probabilmente, lavorare più duramente al suono nel giorno di registrazione è quello che è necessario fare quando non siamo convinti di qualcosa.

#2: L’organizzazione fa risparmiare un sacco di tempo

Ho letteralmente registrato tutte le parti definitive di chitarra e di voce in due ore, non di più. Questo perché prima ancora di premere il tasto “rec” avevo già deciso in pre-produzione cosa suonare e come suonarlo. In altre parole, avevo già uno schema mentale e sapevo come volevo che la canzone suonasse e questa, amici miei, è una cosa fondamentale. Oltretutto, il fatto di creare un appunto su come arrangiare la mia canzone dall’inizio alla fine ha fatto sì che ho potuto facilmente muovermi attraverso la mia sessione in totale disinvoltura e relax e suonare ogni parte per il ruolo che essa avrebbe dovuto avere.

#3: Less is more

Davvero ragazzi! Situazione figlia dei punti #1 e #2, il 90% di ciò che ho usato nel mix di “The Day Of Wrath” (il titolo della mia canzone) è stato EQ e compressione, e solo 3 tracce hanno avuto 3 plug-in nel proprio canale. Tutte le altre solo 2, oppure addirittura uno. Questo perché il mixaggio non è stato altro che la rifinitura e l’abbellimento di qualcosa che per me era già buono, e nel complesso il mixaggio è stato facile, veloce e – sempre per confermare il punto #2 – sapevo già cosa fare. Piccolo appunto: ho usato solo strumenti virtuali e plug-in che escono in dotazione con Logic Pro X, la mia DAW, dunque non c’è l’obbligo indiscutibile di dover cercare plug-in o altre cose per poter fare musica.

Un regalo per voi!!!

Se vi è piaciuto quello che avete ascoltato e volete ascoltare il risultato finale nel vostro iPod o dalle vostre casse, qui sotto trovate un link per poter scaricare gratuitamente la versione finale di “The Day Of Wrath” con tanto di artwork creato per l’occasione. Vi basta cliccare su download nel box sottostante e poi troverete una finestra che vi chiederà di specificare il prezzo. Potete scrivere “0” e scaricherete la canzone assolutamente gratis, ma potete anche lasciare una mancia se volete. Se non volete, non fatelo. Scaricatela gratuitamente!

Ed ora? Da una canzone ad un EP, o un album, sta a noi decidere. Ora che sappiamo come creare canzoni nella nostra camera, abbiamo un mondo di possibilità di fronte a noi. Mettiamoci a lavoro.

Buona musica a tutti!

Annunci

Autore: Carlo

SNAPCHAT | mtatt83

3 thoughts on “Let’s Make A Song: Lezioni Che Ho Imparato ed Un Regalo Per Voi!!!”

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...