3 Trucchi Per Rendere Imponente La Batteria

percussion_drumsA tutti noi piace ascoltare una batteria che sia potente, presente e piena, giusto? Potenzialmente, nelle nostre canzoni preferite la batteria suona proprio così ed è amalgamata bene con il resto degli strumenti in modo da non essere né troppo aggressiva né troppo debole. Per noi che registriamo musica in casa, sia che usiamo una batteria reale o elettronica, ci sono alcuni piccoli trucchetti che possiamo usare per ottenere questo suono.

Volumi Al Loro Posto

Sembrerà ovvio, ma come dico sempre qui su Home Music Show è importantissimo ottenere un buon suono di partenza prima ancora di iniziare a mixare ed inserire plug-in. Vale per tutti gli strumenti, nel caso della batteria è ancora più importante in quanto, se abbiamo registrato la batteria su varie tracce dedicate (che siano 2 o 8 o 16 o 12392638) avremo la possibilità di modificare i volumi delle tracce prima ancora di iniziare a mixare. Così come una chitarra può sembrarci più alta o più bassa di un’altra, anche le percussioni della batteria potranno giovare da una maggiore cura dei volumi. A volte è una semplice questione di volume per far sì che la cassa risulti più potente o che il rullante picchi di più.

Pulizia Con L’EQ

Se anche questo vi sembra banale e scontato, fermatevi e ripensateci! L’EQ è forse lo strumento più potente che avete nella vostra DAW e anche usarla semplicemente per ripulire alcune frequenze vi aiuterà in modo assurdo. Nel caso della batteria registrata con più microfoni c’è sempre qualcosa che entra da qualche altre parte: il rullante nel microfono della cassa, i piatti nel microfono del rullante, ecc.. Con l’EQ possiamo minimizzare questi suoni e rendere la batteria più pulita e, successivamente, possiamo usarla per andare a cercare le frequenze nelle quali ogni componente ha più impatto ed enfatizzarle un pochino. Se trovate le giuste frequenze e ripulite bene le tracce, potreste anche non aver bisogno di compressione!

Compressione Parallela

1176LN_LA2AHo già parlato della compressione parallela e di quanto sia utile e fantastica. La batteria è uno degli strumenti che può beneficiare di più dalla compressione parallela. Semplicemente copiando anche solo cassa e rullante su una nuova traccia e schiacciarli in modo perentorio vi darà un suono che di per sé è abbastanza brutto, ma integrando questo suono alla vostra batteria principale vi porterà un sacco di potenza che renderà la batteria più “cicciona” e potente. Quello che dovrete fare è ascoltare la vostra canzone e piano piano portare su il volume della traccia compressa, fino a quando non inizierete a percepire il suono più potente!

Occhio a non esagerare!

Come per ogni cosa, troppo poco non fa differenza e troppo rovina tutto. Non è neanche detto che tutte le volte avrete bisogno di tutti queste tecniche, ma ad ogni modo non esagerate altrimenti quello che farete sarà soltanto peggiorare la situazione. Non sparate i volumi a tutta, non tagliate troppo con l’EP, non portate su troppa compressione parallela. Ogni cosa ha il suo posto, il nostro compito è quello di ritagliarlo!

Usate alcuni di questi trucchi per lavorare alla vostra batteria? Ne avete altri che per voi funzionano e sono ormai delle vostre costanti? Se sì, prendetevi un minuto di pausa e scrivete nei commenti come in genere lavorate sulle vostre batterie!

Annunci

Autore: Carlo

SNAPCHAT | mtatt83

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...